07 DICEMBRE 2018

 GRANDI GENI A CONFRONTO: Caravaggio, Carracci, Raffaello, Pinturicchio, Bernini a Santa Maria del Popolo, scrigno di grandi capolavori: Sabato 15 dicembre ore 15:30

“Vi ricordate, in Michelet, l’ingresso di Carlo VIII a Roma(….) La Porta del Popolo è quella che si aprì ai nostri antenati  venuti da conquistatori, ripartiti da fratelli. Dopo di loro, tutti quelli che  vennero a Roma  entrarono da qui, da Rabelais fino a Stendhal. La via Flaminia era la grande strada del Nord ed il primo bacio che si riceveva a Roma era dato sotto questa porta(…) Non c’è viaggiatore del passato che non sia caduto in estasi a quel primo contatto….” ( André Maurel, Un mois à Rome)

Il nostro sabato pomeriggio insieme prevederà:

- Storia e trasformazione di Piazza del Popolo:  Dall'antico asse viario che dalla Flaminia dava accesso alla città Caput Mundi,  agli interventi papali  che ne fecero la via della ” peregrinatiopoenitentialis” e  luogo di esecuzioni capitali,   fino alle trasformazioni napoleoniche e papali  che  crearono l’odierno  meraviglioso  “salotto” ,  adagiato ai piedi del Pincio, primo parco pubblico della città.

- Visita alla Chiesa di Santa Maria del Popolo, antica chiesa medievale e  uno degli esempi meglio conservati di architettura quattrocentesca. Tra le chiese romane è  una delle più ricche di opere d’arte ed annovera al suo interno  capolavori del grande genio del Seicento Caravaggio, del maestro rinascimentale Raffaello Sanzio, e dello straordinario scultore Gian Lorenzo Bernini.
- Breve passeggiata nei dintorni: quattro passi a Via Margutta


APPUNTAMENTO h. 15:30  Obelisco Flaminio in Piazza del Popolo (Si raccomanda la massima puntualità)                                                                                        QUOTA DI PARTECIPAZIONE: 12.50 a persona in loco al referente ADM ARTE. Si prega di portare con sè banconote di piccolo taglio.

PRENOTAZIONI: Le prenotazioni posso essere effettuate inviando una email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. lasciando tutti i riferimenti per essere contattati e ricevere conferma: nome, telefono, indirizzo mail, oppure inviando un sms al 3208424686.

Details
07 DICEMBRE 2018

Imperdibile visita guidata alla Galleria Spada, con la scoperta della straordinaria prospettiva del Borromini, domenica 16

dicembre ore 10:30

 

Una visita guidata per andare alla scoperta dei meravigliosi capolavori artistici di Galleria Spada e della sorprendente Prospettiva del Borromini. Con la nostra visita guidata si avrà quindi l’opportunità di visitare uno dei più preziosi palazzi del rinascimento romano a pochi passi da Campo de’ Fiori, dove si conserva ancora oggi una delle opere architettoniche più famose di tutta Roma: la galleria prospettica di Borromini. Inoltre potremo ammirare dal vivo tutte le opere di una delle collezioni più importanti della storia dell’arte: i bei dipinti di Guercino, di Domenichino, di Reni, dei Gentileschi e di molti altri celebri artisti.
Visita guidata: domenica 16 dicembre ore 10:30
Appuntamento: ore 10:15, in piazza Capo di Ferro n. 13, all’ingresso di Galleria Spada
Quota di partecipazione: €20,00 in contanti, comprensiva di (biglietti d'ingresso, visita guidata con storco dell'arte, auricolari se il gruppo raggiunge le 17 unità)
Prenotazione: per prenotarsi è sufficiente inviare una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., oppure un messaggio (sms o WhatsApp al 3208424686)

 

Details
05 DICEMBRE 2018

Le meraviglie della Galleria Colonna: sabato 22 dicembre ore 10:30

 

La galleria Colonna è autentico gioiello del barocco romano, le sue origini si datano all’epoca medievale, quando l’edificio doveva avere più che altro l’aspetto di una fortezza. Un primo cambiamento si avrà con Oddone Colonna, eletto al soglio pontificale nel 1417 con il nome di Martino V, che fa restaurare e ingrandire il palazzo. Il momento di maggior splendore arriva però all’epoca del cardinale Girolamo che, nella seconda metà del Seicento, fa costruire una delle prime gallerie della città, appositamente pensata per ospitare le tante opere d’arte della collezione, che sarà sensibilmente accresciuta dal nipote Lorenzo Onofrio.
Essa conserva straordinari capolavori artistici tra cui il Mangiafagioli di Annibale Carracci, la Venere del Bronzino e diversi dipinti della scuola bolognese.

Visita guidata: sabato 22 dicembre ore 10:30
Appuntamento: ore 10:15, Piazza dei Santi Apostoli, 66
Quota di partecipazione: €20,00 a persona, comprensiva di (biglietti d'ingresso, visita guidata con storica dell'arte, auricolari se il gruppo raggiunge le 17 unità)
Prenotazione: prenotarsi tempestivamente inviando una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., oppure inviando un messaggio (sms o WhatsApp) al 3208424686

 


 

Details
23 NOVEMBRE 2018

UNO STRAORDINARIO FULL TIME NELLA ROMA IMPERIALE: VISITA GUIDATA NEL FORO ROMANO, PALATINO E COLOSSEO

il Foro Romano si presenta come un fondovalle paludoso, racchiuso tra le pendici del Palatino e quelle del Campidoglio, percorso da un rigagnolo, il Velabrum, ed intriso di acquitrini. Gli abitanti dei villaggi capannicoli sulla sommità dei colli usano la sottostante valle per lo più come sepolcreto: un settore della necropoli protostorica (IX-VIII secolo a.C.), con tombe a fossa e a pozzetto, è stato infatti individuato e scavato nei pressi del tempio di Antonino e Faustina.

Solo con la dinastia regia dei Tarquinii, all'inizio del VI secolo a.C., si intraprendono quei lavori che saranno alla base della successiva fortuna della valle del foro come cuore della città: i re etruschi bonificano gli acquitrini incanalando le acque del Velabrum nel più antico condotto fognario della città, la cloaca maxima, quindi provvedono alla pavimentazione della piazza e a numerosi altri interventi, che faranno di quest'area il centro politico, religioso e amministrativo di Roma per tutta l'età repubblicana e fino agli inizi dell'età imperiale, quando il vecchio foro, ormai traboccante di templi, basiliche, monumenti pubblici ed edifici privati, e dunque non ulteriormente edificabile, verrà soppiantato dal complesso dei fori imperiali.

A seguire, saliremo dalla valle del foro romano per visitare il Colle Palatino. Alto circa 54 metri, guarda da un lato sul Foro Romano e dall'altro sul Circo Massimo. La leggenda situa le origini di Roma sul Palatino. Infatti, scavi recenti hanno dimostrato che i primi insediamenti sul colle risalgono all’XI-X secolo a.C. circa: un villaggio capannicolo di pochi ettari, circondato dalla palude del Velabro, dal quale era possibile controllare il sottostante Tevere. Questo primo agglomerato di capanne è la "Roma quadrata", così denominata dagli storici antichi per la forma irregolarmente romboidale dell’area ricoperta: i suoi limiti erano all’Ara Maxima di Ercole nel Foro Boario, all’Ara del dio Consus presso il Circo Massimo, alle Curiae Veteres alle pendici del Palatino rivolte verso la Velia e al Santuario dei Lari presso il foro.

Secondo la mitologia classica, il Palatino, o più esattamente l’area paludosa che collegava il Palatino al Campidoglio, chiamata Velabro, fu il luogo dove Romolo e Remo furono rinvenuti dalla Lupa che li allattò nella "Grotta del Lupercale", solo recentemente (2007) localizzata presso la Casa di Augusto. Secondo la leggenda, il pastore Faustolo trovò i gemelli divini (figli di Rea Silvia e del dio Marte) e li allevò con l'aiuto di sua moglie Acca Larentia.

Quando Romolo, divenuto adulto, decise di fondare una nuova città, sceglie proprio il Palatino, in opposizione allo sconfitto Remo, che voleva fondare la nuova città sull’Aventino.

Gli imperatori romani da Augusto in poi edificarono le loro residenze ufficiali sul Palatino. Le vestigia della Casa di Augusto e dei sontuosi palazzi di Tiberio e dei Flavi, con lo Stadio per spettacoli privati offerti dagli imperatori, sono ancora visibili e interamente visitabili.

Scendendo dal Palatino entreremo nell’Anfiteatro Flavio, o Colosseo, dal nome della vicina statua colossale di Nerone nelle vesti di Helios.

Fu inaugurato una prima volta nel 79 d.C. e poi nell’80 d.C.; in occasione di tale inaugurazione i giochi durarono ben 100 giorni, e furono uccise 5000 fiere! La storia del Colosseo fu poi un susseguirsi di grandi spettacoli e di temporanee interruzioni dell’attività, in conseguenza di terremoti, o incendi che danneggiarono la struttura, ma anche a causa delle scelte della politica imperiale, che a volte favoriva, a volte poneva un freno agli spettacoli sanguinosi e violenti.

Ripercorreremo i cinque secoli di storia del monumento e vivremo le emozioni provate dagli spettatori di un tempo, passeggiando tra le gallerie sotto le gradinate capaci di ben 50000 spettatori ed affacciandoci poi verso la grande arena, dove trovarono la morte tra furiosi combattimenti, migliaia di gladiatori e di condannati alla pena capitale, tra le grida del popolo ebbro di sangue.

VISITA GUIDATA: SABATO 9 MARZO ORE 10:30
APPUNTAMENTO ORE: 09:45 - DAVANTI ALL'ARCO DI COSTANTINO, VIA DI SAN GREGORIO
QUOTA DI PARTECIPAZIONE: € 30,00, PAGAMENTO ANTICIPATP MEDIANTE BONIFICO BANCARIO ALL'IBAN: IT43J0569603219000004793X28
CAUSALE: VISITA GUIDATA AL COLOSSEO

PRENOTAZIONE: PER PRENOTARSI E' NECESSARIO INVIARE UNA MAIL DI CONFERMA ALL'INDIRIZZO MAIL Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., CONTENENTE IL PROPRIO NOMINATIVO, IL NUMERO DEI PARTECIPANTI, LA COPIA DEL BONIFICO BANCARIO IN ALLEGATO E UN NUMERO TELEFONICO DI RIFERIMENTO.

 

Details
23 NOVEMBRE 2018

Apertura straordinaria con permesso speciale: Casina del Cardinal Bessarione del sabato 16 marzo 2019

Visita guidata in un raro esempio di villa Rinascimentale aperta straordinariamente per il nostro gruppo: la Casina del Cardinal Bessarione presso il I miglio dell’Appia Antica. Un ambiente di pregevole gusto, adibito dal cardinale a sua residenza estiva. Un luogo unico con interessanti affreschi presso la loggia e un pregevole ciclo decorativo all’interno della Sala del Piano Nobile e delle Stanze Private. Scenderemo anche nel piano seminterrato per scoprire la presenza di strutture sepolcrali del I secolo a.C. e altre evidenze che ci permetteranno di giungere fino alla prima metà del II secolo d.C. Un luogo unico che esibisce tutta la sua storia permettendoci un meraviglioso viaggio indietro nel tempo.

Visita guidata: Sabato 16 marzo ore 17:00
Appuntamento: ore 16:40  piazzale Numa Pompilio, angolo via di Porta San Sebastiano 
Quota di partecipazione: €12,50 pagamento in contanti
Prenotazione:
Per info e/o prenotazione scrivere all'indirizzo mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o chiamare il numero 3208424686

 

Details
22 NOVEMBRE 2018

Il grande genio di Michelangelo - i capolavori della Basilica di San Pietro in Vincoli: sabato 15 dicembre ore 10:00

L’antica basilica, risalente al V secolo, deve il suo nome alla presenza delle catene (“vincula” in latino) usate per incarcerare San Pietro. Durante la visita ne ricostruiremo la storia attraverso i secoli e ammireremo le molte opere d’arte al suo interno tra cui la famosissima “tragedia della sepoltura”: la tomba di papa Giulio II realizzata da Michelangelo e di cui fa parte il celebre Mosè, statua che tornata a risplendere grazie a una sapiente opera di restauro e a un suggestivo gioco di luci.

Visita guidata: Sabato 15 dicembre alle ore 10:00
Appuntamento: ore 09:45 Piazza di San Pietro in Vincoli
Quota di partecipazione: €12,50 a persona
Prenotazione: per prenotarsi è sufficiente inviare una mail di conferma a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure un messaggio sms o WhatsApp al 3208424686

Details
13 NOVEMBRE 2018

VISITA CULTURALE DOMENICA 18 NOVEMBRE: SANTA MARIA MAGGIORE - SANTA PRASSEDE E QUATTRO PASSI NEL QUARTIERE MONTI

Santa Maria  Maggiore: un sogno spinse un papa e un patrizio, nella metà del IV secolo, ad edificare, nel luogo segnato da una miracolosa nevicata d'agosto, la prima basilica dedicata a Maria,  ricostruita nel V sec,  da Sisto III.   Al suo interno  sono conservate importanti reliquie della cristianità, quali la venerata icona mariana della Salus populi Romani e frammenti della mangiatoia che fece da culla al neonato Gesù.                                           La basilica  troneggia  al centro della piazza e la sua facciata  svela, tra le arcate della balconata settecentesca, l’antico  mosaico medievale.  Al  suo interno,  un  ciclo epico  di mosaici di V,  XII e  XIII secolo mostrano, in scene misurate e solenni che  si sciolgono in composizioni briose e minute,  l’infanzia di Cristo,  storie veterotestamentarie e l’incoronazione di Maria. I soffitti sono  dorati  con il primo oro portato dalle Americhe, mentre  le navate laterali si dilatano in  due splendide cappelle papali:  la cappella Borghese e la  Cappella sistina, voluta da  Sisto V Peretti, che pose la basilica al centro della nuova topografia di Roma da lui disegnata,  mentre una semplice lapide segna il luogo dell’eterno riposo di Gian Lorenzo Bernini, padre del barocco romano.

La basilica di Santa Prassede  sorge sulla casa di proprietà di Prassede, una tra le prime persone convertite al cristianesimo dall’apostolo Paolo - insieme a suo padre, il senatore Pudente e a sua sorella Pudenziana - e fu il luogo nel quale la santa soleva nascondervi i cristiani perseguitati, subendo poi ella stessa il martirio, con tutta la sua famiglia.   Di grande importanza per la testimonianza di fede, la chiesa è il contenitore di opere d’arte di inestimabile valore e bellezza.   Contiene affreschi manieristi, opere del Cavalier d’Arpino, di Federico Zuccari, di Gian Lorenzo Bernini e soprattutto l’ineguagliabile e rarissimo ciclo di mosaici, di IX secolo che si distende oltre il  catino absidale , fino al piccolo “stupefacente sacello di Teodora” , rendendo questa basilica una delle meraviglie della città .

Passeggiata: Faremo inoltre una piccola passeggiata per le vie del quartiere Monti, con descrizioni storico- artistiche dalle origini ai nostri giorni che riguarderanno la piazza Santa Maria Maggiore, l’ antichissima porta Esquilina delle mura serviane , piazza di San Martino ai Monti  e le antiche torri medievali  sorte  sul tracciato urbano dell’antica Roma. 

 

VISITA CULTURALE: Domenica 18 novembre ore 15.00

APPUNTAMENTO h. 15.00 Piazza Santa Maria Maggiore sotto la colonna della pace

QUOTA DI PARTECIPAZIONE: € 12.50 a persona in loco al referente ADM ARTE. Si prega di portare con sè banconote di piccolo taglio.

INFO&PRENOTAZIONI: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure 3208424686

 

Details
07 NOVEMBRE 2018

Santa Croce in Gerusalemme: nel luogo della Vera Croce 
Sabato 10 novembre
visita guidata alle ore 16:00

 

Un appuntamento alla scoperta di un pezzo di Terra Santa trapiantato a Roma: la Basilica di Santa Croce in Gerusalemme. La chiesa custodisce la più completa raccolta delle reliquie della Passione di Cristo, tra le quali la più importante è sicuramente quella della Vera Croce, da cui l’edificio prende il nome. Percorreremo la storia del sito, strettamente legata alle vicende di Sant’Elena, madre dell’imperatore Costantino.

Sul luogo dove sorgeva il Palazzo del Sessorio, una villa imperiale di III secolo d.C.Elena, madre di Costantino, stabilì la sua residenza: tra i numerosi restauri da lei voluti, dedicò una parte del palazzo al culto cristiano, primo nucleo della futura Chiesa di Santa Croce in Gerusalemme. 
Come per la maggior parte delle chiese romane, l’aspetto attuale della basilica è il frutto di una rielaborazione avvenuta in diverse fasi storiche, fino al barocco. Al suo interno ammireremo, oltre alle reliquie, diverse testimonianze artistiche. Anche lo splendido mosaico, che riprende motivi paleocristiani, disegnato da Melozzo da Forlì e restaurato da Baldassarre Peruzzi sotto il cui pavimento l’imperatrice fece porre della terra portata da lei stessa da Gerusalemme. La Cappella delle Reliquie della Passione, dove si venerano le reliquie più sacre della città: oltre al frammento della Croce di Cristo, vi si conservano l’iscrizione sopra la Croce, due spine della corona, uno dei chiodi, il dito dell’apostolo Tommaso e un frammento della croce del ladrone buono
E sempre alla Vera Croce è dedicato il ciclo affrescato sul catino absidale da Antoniazzo Romano.

Visita guidata: sabato 10 novembre, ore 16:00
Appumtamento: ore 15:45, Piazza di Santa Croce in Gerisalemme, di fronte alla Basilica
Quota di partecipazione: €12,50 a persona, in contanti.
Prenotazione: per prenotarsi è sufficiente inviare una mail di conferma a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., oppure un messaggio (sms o whatsapp) al 3208424686

Details
01 NOVEMBRE 2018

Un suggestivo contenitore, scrigno di grandi capolavori e preziosi contenuti

 

Museo Nazionale Romano: le Terme di Diocleziano

Domenica 4 novembre ore 15:30

 

Il più grande complesso termale dell’antichità, trasformato in convento con annesso chiostro michelangiolesco , è oggi sede

del museo epigrafico nazionale romano ed espone preziosi reperti che narrano seri e gustosi episodi di vita quotidiana

nell’ antica Roma

 

La recente  riappropriazione da parte della città del grandioso  scheletro corroso ma ancora imponente e carico di suggestioni

delle Terme di Diocleziano, con l’apertura della Natatio, la più grande piscina  scoperta dell’antichità,  offrono  un colpo d’occhio

scenografico, degno delle dimensioni ciclopiche di questo impianto termale,  sorto in pieno centro città, atto a  magnificare  i fasti

del  potere assoluto e a tratti illuminato dell’imperatore Diocleziano- Eretto nel 306 tra  il Viminale e il Quirinale è stato  il più

grandioso complesso termale mai costruito nel mondo romano. 

Abbandonato nel V secolo, in seguito al taglio degli acquedotti  che  lo alimentavano,  i suoi imponenti  ruderi furono per secoli  

ammirati  dai viaggiatori illustri e tra loro anche da  Francesco Petrarca.

Nel 1561 una parte del complesso venne trasformata in  certosa con un grandioso chiostro progettato da

Michelangelo , oggi parte integrante del  museo. 

Questo suggestivo contenitore espone reperti importantissimi. Oltre a statue fittilie in marno, sarcofagifrontoni di

templitombe ipogeealtari,  vi è esposta  un ’interessante e divertente collezione epigrafica con numerosi  "oggetti parlanti" (

iscritti ) che  narrano la vita quotidiana nell’antica Roma:  le donnela schiavitù, il cursus honorum, i mestierii miti, la

religioni, le campagne elettorali di Catone e Catilina e persino i  riti magici dell’epoca (filtri d’amore ed altro).

Visita guidata: 
domenica 4 novembre ore 15:30

Appuntamento: ore 15:30, Viale Enrico de Nicola 79, di fronte all’ingresso del complesso

Quota di partecipazione: €12,50 - in contanti, si prega di portare banconote di piccolo taglio

Prenotazione: inviando una mail di conferma a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o un messaggio (Sms o whatsapp)

al 3208424686specificando il propio nome, il numero delle persone e un riferimento telefonico.

Details
23 OTTOBRE 2018

Visita guidata ai Musei Vaticani:
sabato 17 novembre alle ore 14:30

Quota di partecipazione: €40,00 a persona, include (salta fila, visita guidata con storico dell'arte*, biglietti d'ingresso e auricolari) - prenotarsi con largo anticipo

Le visite guidate ai Musei Vaticani sono tra le esperienze più belle che si possono vivere a Roma. Con il loro patrimonio artistico unico al mondo.
All'interno dei Musei Vaticani sono conservate le più celebri opere dell'antichità venute alla luce in Italia, tra cui lo straordinario gruppo scultoreo del Laocoonte, scoperto nel 1506 sull'Esquilino, l'Apollo del Belvedere ed il celebre bronzo etrusco noto come il Marte di Todi.

Nel corso del Rinascimento alcune sale degli splendidi palazzi furono decorate con eccezionali cicli di affreschi, come la Cappella Sistina che costituisce uno dei maggiori vanti dell'arte italiana, le stanze di Raffaello e l'appartamento Borgia.

Gli edifici che ospitano i Musei Vaticani erano i palazzi rinascimentali costruiti per grandi papi come Sisto IV e Giulio II; i lunghi cortili e le gallerie che collegano il Palazzo del Belvedere di Innocenzo VIII agli altri edifici, sono stati progettati dal Bramante per Giulio II.

*La visita guidata include:
1. Cortile della Pigna
2. Gabinetto dell'Apoxyomenos
3. Cortile Ottagono (Gruppo del Laocoonte, Apollo del Belvedere)
4. Museo Pio-Clementino
5. Galleria dei Candelabri
6. Galleria degli Arazzi
7. Galleria delle Carte Geografiche
8. Galleria e Cappella di S.Pio V
9. Sala Sobieski
10. Stanze di Raffaello
11. Cappella Sistina

Visita guidata: sabato 17 novembre alle ore 14:30
Appuntamento: ore 14:00 (MASSIMA PUNTUALITA'), Viale Vaticano, di fronte ai Musei Vaticani
Quota di partecipazione: €40,00, pagamento anticipato mediante bonifico bancario all'IBAN IT43J0569603219000004793X28, Causale: Visita ai Musei Vaticani.
Prenotazione: per prenotarsi è necessario inviare una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., contenente (il numero e i nomi dei partecipanti, un contatto telefonico di riferimento e la copia del bonifico bancario in allegato).

Vi raccomandiamo il giorno della visita di venire muniti di proprio documento d'identità.

Per informazioni contattare il numero: 3208424686 

 

Details

La Nostra Mission

La nostra missione è quella di promuovere la vita attraverso l’arte e il patrimonio monumentale, archeologico e la cultura. Animati da uno spirito di solidarietà e fratellanza, puntiamo all'incontro e il confronto delle culture del mondo al fine di conoscerle, apprezzarle ed imparare a vivere la diversità come un valore. Il nostro orizzonte è quello di un mondo in cui l’arte e la cultura siano una via di “apertura alla vita”, alla pace, alla fratellanza e alla solidarietà.

Questo sito utilizza i cookies: continuando accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra.